I NOSTRI PILOTI FRIULANI SEMPRE GRANDI PROTAGONISTI

Maglia Azzurra Scudo di Enduro, spirito vincente in ogni condizione.
La forza di questo progetto, ormai giunto al quarto anno, che la Federmoto porta avanti con successo è l’anima del gruppo. Sacrifici ripagati da vittorie e da ricordi che resteranno indelebili nell’animo di chi vive la Maglia Azzurra. Dopo la straordinaria impresa dell’anno scorso in Cile, l’Italia vince anche quest’anno alla Sei Giorni di Enduro in Grecia, con la squadra Under 23 nella quale gareggiava il nostro Vanni Cominotto. Nel Trofeo, i francesi sono stati fortissimi e hanno pienamente meritato il titolo mondiale, ma il nostro secondo posto è comunque un grande risultato. Peccato non aver fatto doppietta con la squadra senior dove gareggiava il nostro Maurizio Micheluz, ma i risultati di questa Six Days confermano che l’Italia resta una nazione di vertice nell’Enduro. Un vero grazie ai nostri piloti friulani da tutto il movimento motociclistico regionale, grazie ragazzi, ancora una volta, nell’assoluto silenzio stampa, ci avete riportati sul gradino più alto del podio.

Andrea Mascarin
Consigliere nazionale FMI

LA GARA

Grecia settembre 2008
33 Paesi partecipanti, 27 per la conquista del Trofeo, 16 si sono contesi il Vaso, 4 team la classifica femminile, 75 Moto Club in gara di cui sette italiani. Un totale di 459 piloti iscritti che per sei giorni sono stati impegnati lungo i roventi e polverosi percorsi della Grecia in località Serres.
La Six Days Enduro 2008 si è chiusa con il trionfo della Maglia Azzurra Scudo nel Vaso junior e il secondo posto nel Vaso senior il Trofeo, nel gergo tradizionale. Al termine della prova di del sesto giorno le classifiche non sono cambiate e l’Italia non è riuscita dunque a fare “doppietta”, dopo che nel corso dell’intera gara gli Azzurri più giovani avevano dominato fin dall’inizio nel Vaso junior.  I piloti della nazionale maggiore ci hanno provato fino all’ultimo giro della prova di cross. I primi a scendere in pista sono stati i piloti della E3 con Botturi, che si è difeso molto bene e Cominotto che è stato regolare per tutta la prova.  Per la E2, il tris del Trofeo, Belometti, Dini e Mossini, occupava i primi quattro posti all’arrivo, con il capitano azzurro primo e vincitore assoluto della Six Days nella E2. Nel Vaso, Gritti e Balletti, concludvano la prova senza affanni, e chiudevano i conti. Cominciava la festa degli azzurrini.
Ultime speranze per il Trofeo nella E1, con Albergoni e Micheluz positivi per tutta la prova. Ma i francesi, favoriti dal vantaggio acquisito nei giorni precedenti, controllavano le retrovie. Sul finale, una caduta di Albergoni cancellava definitivamente ogni speranza di vittoria. 
La Francia, con un ottimo gioco di squadra e una costanza di risultati per tutta la Sei Giorni è arrivata al traguardo controllando la gara e vincendo così la Six Days 2008.  Il poker degli azzurrini, con il CT Tullio Pellegrinelli, riporta a casa il titolo di “Squadra Under 23 Campione del Mondo”.

La Classifica Finale del Trofeo:
Francia; 2) Italia a 53”; 3) Usa a 8’20”; 4
La Classifica Finale del Vaso:
Italia; 2) Australia a 12’13”; 3) Francia a 14’58”; 4

Ufficio stampa FMI

Questo sito utilizza strumenti proprietari o di terze parti per archiviare piccoli files (cookie) sul tuo dispositivo. Abilitando questi cookies, ci aiuti a offrirti una migliore esperienza.