In mostra moto di rara belezza

L’uso corretto e intelligente della moto, in questi anni ha consentito al sempre più folto gruppo di appassionati del motociclismo d’epoca di apprezzare realtà, cultura e raduni in tema che solitamente vengono trascurate. Oggi siamo in tanti e molti ancora si stanno unendo a noi, perché il nostro obbiettivo rimane la passione per la moto e il piacere di divertirsi e accrescere la nostra cultura, condividendo i valori semplici della vita, quali l’amicizia, la solidarietà, la voglia di stare insieme e di confrontarci avendo come “trait d’union” mezzi a due ruote sempre più belli. Qualcosa in più che ti dia quella soddisfazione di possedere un gioiello che racconta storia, design, meccanica di precisione e stile. Dopo tanti chilometri percorsi con grande generosità, la moto non viene rottamata ma recuperata in tutte le sue parti con un attento restiling e tanta meticolosità per i particolari che devono essere sempre perfetti come fosse acquistata ieri. Non smetteremo mai di sognare, non smetteremo mai di progettare e realizzare nuove appassionanti avventure, appuntamenti che ti portano lontano a qualsiasi età in compagnia della tua moto restaurata, fiammante come nuova. Gli innamorati del moto turismo d’epoca continueranno a coccolare i loro gioielli e li useranno con prudenza, sempre con la gioia di stare insieme, con la solidarietà e la comunione di idee e spiriti anche molto diversi, tra loro. Forse la vera motivazione la possiamo trovare nel testo della tesi che una ragazza di Trieste ha presentato al suo esame di laurea:

Guidare una moto, può renderti allegro,
sereno, spavaldo, spaventato e vulnerabile,
poi… di nuovo felice.
E’ un condensato di vita e di emozioni
è la risposta che la moto dà ad ogni perché…

(Gabriella Del Bello – Trieste)

Questa bella mostra riccamente documentata, è stata possibile grazie all’iniziativa di Andrea Mascarin e del direttore del centro commerciale Carrefour, appassionato motociclista. Generosa collaborazione è stata fornita dal MC Centauro di Zoppola che ha messo a disposizione camion e manovalanza senza nulla chiedere in cambio. Alcuni soci della AMF (Associazione Motociclistica Friulana) hanno fornito modelli di sidecar di grande bellezza e storia della BMW. Altri appassionati collezionisti di moto d’epoca come il grande collezionista scomparso Bugini, il collezionista Tonutti, inoltre i fratelli Degano hanno fornito modelli storici del fuoristrada incredibilmente belli e perfettamente restaurati che hanno abbellito e reso ancora più interessante la mostra.

Andrea Mascarin

Questo sito utilizza strumenti proprietari o di terze parti per archiviare piccoli files (cookie) sul tuo dispositivo. Abilitando questi cookies, ci aiuti a offrirti una migliore esperienza.