12 Ore Enduro Lignano

È un segno indelebile quello che ha lasciato la manifestazione motoristica denominata “12 Ore Enduro Lignano Sabbiadoro” nei suoi quattordici anni di straordinarie e emozionanti edizioni.
Nata da uno scambio di idee tra amici appassionati di motociclismo, ha preso vita, come succede spesso e inaspettatamente per le cose migliori, una kermesse motociclistica tra le più importanti a livello internazionale che ha saputo unire sport, spettacolo e cultura in un meraviglioso connubio che ha affascinato e richiamato non solo appassionati di moto, ma un pubblico eterogeneo per età e interessi. Ogni anno questo appuntamento era atteso con trepidazione da tutto il mondo motociclistico sportivo della nostra Regione e non solo. Chi non ricorda con nostalgia l’emozione della tanto attesa mezzanotte squarciata dal rombo assordante delle potenti quattro tempi e dalle luci abbaglianti dei proiettori montati sulle moto per poter vedere di notte il difficoltoso percorso snodarsi, per ben 12 ore di gara ( dalle ore 24,00 alle ore 12,00 del giorno successivo) lungo il litorale sabbioso e i sentieri scivolosi degli argini che costeggiano il fiume Tagliamento. Una formula di gara, ideata da quella fucina di idee che è sempre stato Lorenzo Giannoccaro insieme ai suoi validi amici, Paolo, Stefano e altri collaboratori della cooperativa “Immaginaria” di Latisana. Una formula che stimolava soprattutto i piloti professionisti che si stavano preparando per appuntamenti importanti come il Pharaons Rally e la ormai famosissima Dakar. Ma era anche appetibile per i piloti di casa nostra che volevano cimentarsi nel confronto con i grandi campioni delle due ruote nel fuoristrada. I più forti campioni mondiali della specialità e piloti della Parigi Dakar ci regalavano nella notte uno spettacolo straordinario. Esperti professionisti come Orioli, Rinaldi, Medardo, Carcano, i fratelli Marinoni, per arrivare ai grandi campioni olandesi e svedesi e al grande compianto Fabrizio Meoni, ma anche i campionissimi dello Sci mondiale come Cristian Ghedina, Fattori, Alphand, Senigagliesi che si sono voluti cimentare in un inedito confronto a due ruote sulla sabbia.
La 12 ore Enduro di Lignano Sabbiadoro dal 1985 al 1999 è stato un evento sportivo che nel susseguirsi degli anni è cresciuto arrivando alle televisioni di tutto il mondo, grazie alla sapiente organizzazione dell’Immaginaria di Latisana, team di appassionati e professionisti tra cui il già citato Lorenzo Giannoccaro che insieme a Paolo De Biase, hanno portato la manifestazione fino alla diretta televisiva con Andrea De Adamich nella trasmissione Grand Prix che andava in onda in diretta su Italia uno. A Lignano Sabbiadoro la manifestazione riuniva, in un periodo nel quale il turismo balneare non era ancora avviato, una moltitudine di persone, in particolare giovani, gran parte provenienti dalle confinanti Austria, Slovenia e Croazia diventando così oltre che un grande evento sportivo, un forte richiamo turistico per la nostra bella città balneare di Lignano Sabbiadoro. La gara di alto contenuto tecnico e sportivo negli ultimi anni ha voluto essere ancora più spettacolare, superando le difficoltà logistiche di un percorso che si snodava su una superficie troppo ampia per essere totalmente fruita dal pubblico, essa ha così concentrato il suo spettacolo totalmente sulla spiaggia riunendo anche eventi collaterali di grande interesse sportivo / turistico.
12 ore Enduro Lignano Sabbiadoro è stata una strepitosa vetrina, quattordici anni di spettacolo che si è sempre saputo rinnovare grazie alla splendida cornice che Lignano Sabbiadoro sapeva offrire, unitamente alla professionalità dei suoi organizzatori, coadiuvati per la parte tecnica dal personale della FMI appartenente ai Moto club territoriali e alla grande intraprendenza di amministratori pubblici di larghe vedute che hanno saputo fare sistema fra sport, turismo e cultura.

12 Ore Enduro Lignano 1991 – Edi Orioli 1° assoluto

Purtroppo alla sua quindicesima edizione la 12 Ore Enduro di Lignano Sabbiadoro si è fermata per una molteplicità di problemi legati alla burocrazia, con vivo rammarico di piloti, case motociclistiche, appassionati e pubblico. Noi tutti ci auguriamo di poter un giorno ritrovare le condizioni ottimali per un rilancio della manifestazione affinché non solo gli appassionati del settore, ma anche i turisti della bella Lignano possano beneficiare nuovamente di uno spettacolo unico nel suo genere.

Andrea Mascarin
Ex Consigliere Nazionale FMI

Questo sito utilizza strumenti proprietari o di terze parti per archiviare piccoli files (cookie) sul tuo dispositivo. Abilitando questi cookies, ci aiuti a offrirti una migliore esperienza.